SORA LELLA – ULTIMA PUNTATA

SORA LELLA – ULTIMA PUNTATA 8 novembre 2013

Almeno una parte dei guai della Sora Lella stanno per finire.

77 anni, obesa, cardiopatica, operata di un tumore alla mammella, priva della tiroide, con le ginocchia distrutte, mi chiamò un po’ di tempo fa – disperata – perché non poteva andare a trovare suo figlio detenuto in un carcere troppo lontano. Mi misi in contatto con il DAP e riuscii a farlo tornare a Roma a Rebibbia, vicino a dove abita la sventurata signora romana. Già perché oltre al problema del figlio che è in carcere per problemi legati alla tossicodipendenza, la Sora Lella ha un marito anch’egli settantasettenne affetto da Alzheimer da 26 anni e da 18 anni immobilizzato a letto. Lei, con le poche forze che ha, lo accudisce giorno e notte.

Felicissima per l’avvenuto riavvicinamento, mi ritelefona pochi mesi dopo di nuovo disperata dicendomi che il figlio era stato ri-trasferito perché “importunava la maestra”… da qui la famosa (almeno per me) frase della Sora Lella “e nun je poteva dà ‘na pizza invece de fallo trasferì” (saggezza popolare).

Torno alla carica con il DAP che oggi mi dà la notizia del ritorno del ragazzo a Rebibbia.

“Quanto so’ contenta! Da mo’ che nun ‘o vedevo a mi fijo!

L’urtima vorta che ce so annata j’ho portato i panni puliti e mi fijo l’ho visto strano… s’era pure fatto prestà i carzoni che nun c’aveva più gnente da mettese. Me so’ dovuta fa’ accompagnà fino a laggiù e ho dovuto spenne 30 de benzina e 10 d’autostrada… ma come faccio che noi nun c’avemo na lira? C’ho solo ‘a penzione de mi marito e a me che so’ invalida ar cento per cento nun me danno gnente. Quanno so’ tornata a casa a le tre ho fatto magnà mi marito, poraccio. Bernardì, ‘o sai che m’ha detto ‘a dottoressa? Si nun c’aveva a te tu marito da quer dì ch’era morto! Eccerto, ‘o tratto come ‘na rosa!

Mi fijo c’ha er core d’oro, aiuta sempre l’artri. Pe’ questo stà ‘n galera! Io dico è ggiusto che “deve da pagà pe’ i casini c’ha fatto, ma bisogna pure aiutallo! M’ha detto ch’aveva scritto tante poesie pe’ ‘a maestra e che quella se l’era perze… te credo che ce rimane male, no?

Bernardì, tu devi sempre sentì bene che ce devi d’aiutà a tutti!”.