NUOVO SUICIDIO A POGGIOREALE. PROSEGUE L’ORRORE IN PIENA VIOLAZIONE DELLA COSTITUZIONE

14 ottobre 2012

Ci giunge notizia, confermata dal sindacato Osapp, che ieri, alle 14.40 un altro detenuto si è tolto la vita impiccandosi nel reparto Avellino del carcere di Poggioreale a Napoli. Era un detenuto comune di soli 28 anni.

Ma le notizie di morte sembrano non finire. Stiamo cercando conferma di un altro suicidio avvenuto mercoledì scorso nel carcere di Carinola. In questo caso si tratterebbe di un ergastolano ostativo di 55 anni.

Rimangono ancora ‘da accertare’ secondo gli inquirenti, le cause della morte di un detenuto tunisino avvenuta martedì scorso nel carcere di Busto Arsizio: il cappio, lo sgabello, la testa quasi staccata non sono bastati per definirlo come ‘suicidio’, ci fa sapere Ristretti Orizzonti.

Sono passati 451 giorni da quando il presidente Napolitano si è pronunciato per denunciare la condizione presente nelle nostre carceri;  parole alle quali, lo dico con rammarico, non è seguito nemmeno quel messaggio alle Camere, previsto dall’art. 87 della Costituzione e richiesto con un manifesto-appello da oltre 130 costituzionalisti, guidati dal Prof. Puggiotto. 451 giorni fa il presidente Napolitano non escludeva ‘pregiudizialmente nessuna ipotesi che possa rendersi necessaria’, amnistia e indulto compresi.