MORTI IN CARCERE, DENEGATO DIRITTO ALLE CURE E CARCERE DURO A PROVENZANO: UNO STATO CHE SI PONE ALLO STESSO LIVELLO DEI PEGGIORI CRIMINALI

MORTI IN CARCERE, DENEGATO DIRITTO ALLE CURE E CARCERE DURO A PROVENZANO: UNO STATO CHE SI PONE ALLO STESSO LIVELLO DEI PEGGIORI CRIMINALI 8 luglio 2014

Con il sostegno di Marco Pannella e di almeno 150 cittadini, questo è per me il settimo giorno di sciopero della fame finalizzato ad interrompere la tragedia delle morti in carcere e la mancanza di cure che riguardano anche reclusi incompatibili con il regime di detenzione carceraria.

Fra queste migliaia di casi è incluso anche il caso dell’ottantenne boss di cosa nostra Bernardo Provenzano che si trova ristretto in regime di carcere duro (41-bis) pur essendo incapace di intendere e di volere e con patologie gravissime. Sebbene sia ridotto al lumicino, leggo che il tribunale di sorveglianza di Roma ha rimandato la decisione sulla revoca del 41-bis al 3 ottobre, abbondantemente superate le ferie estive.

In questo modo, una parte della magistratura e lo stesso ministero della giustizia, si contrappongono al giudizio di tre procure della repubblica (Palermo, Caltanissetta e Firenze) che si sono invece pronunciate per la cancellazione del “carcere duro” per Provenzano. Ma non solo. Abbiamo istituzioni che, quanto al rispetto di diritti umani fondamentali, si pongono allo stesso livello di criminalità di coloro che affermano di voler combattere.