INTERVISTA A CLANDESTINOWEB, AMBROGIO CRESPI IN CARCERE PER “PENTITO DIRE” COME ENZO TORTORA – VIDEO

INTERVISTA A CLANDESTINOWEB, AMBROGIO CRESPI IN CARCERE PER “PENTITO DIRE” COME ENZO TORTORA – VIDEO 31 dicembre 2012

Di seguito l’intervista rilasciata al Clandestinoweb in cui parlo del caso di Ambrogio Crespi e della situazione di legalità perduta che vige nel nostro paese.

L’onorevole Rita Bernardini, intervistata da Clandestinoweb a margine della conferenza stampa che si è svolta al partito Radicale, sul caso di Ambrogio Crespi, emblematico del problema della giustizia italiana e dell’abuso della custodia cautelare, ha ricordato ancora una volta le somiglianze con la vicenda di Enzo Tortora.  Siamo di fronte, spiega, a un ”Mancato rispetto della giustizia così come è prevista dalla costituzione italiana e dalla normativa europea”.

“Il caso di Ambrogio Crespi mi ricorda moltissimo il caso Tortora che usava dire sono in galera per ‘pentito dire’. Ci sono molte persone ristrette nelle nostre carceri che non hanno voce. Noi come Radicali e anche insieme ad Ambrogio Crespi ed Helene Pacitto abbiamo cercato di dare voce a queste persone perché il nostro paese possa ritrovare la legalità perduta“.

Personalemente, spiega ancora la Bernardini, ho presentato “circa 1200 interrogazioni che si riferiascono proprio a casi specifici di persone che hanno visto i loro diritti umani violati. C’è ancora molto da fare prima che l’Italia possa tornare ad essere una repubblica democratica degna di questo nome”.

CONFERENZA STAMPA SUL CASO AMBROGIO CRESPI, ANOMALIA ITALIA: IL 42% DEI DETENUTI E’ IN ATTESA DI GIUDIZIO – VIDEO