GRASSO DECIDE DI RINUNCIARE ALL’AUTODICHIA DEL SENATO, MA SOLO CONTRA PERSONAM

GRASSO DECIDE DI RINUNCIARE ALL’AUTODICHIA DEL SENATO, MA SOLO CONTRA PERSONAM 7 febbraio 2014

Riporto la dichiarazione congiunta mia e di Irene Testa, coautrice insieme ad Alessandro Gerardi del libro “Parlamento zona franca”, in riferimento all’autodifesa resa ieri nell’Aula dal presidente del Senato.

Dobbiamo essere grati al Presidente del Senato per aver dissipato dallo scranno più alto di palazzo Madama il dubbio sul fatto che il Senato faccia parte dello Stato-apparato (e, quindi, possa costituirsi in giudizio autonomamente rispetto alla Presidenza del consiglio).

Si tratta di un dubbio che, per la verità, non ha mai sfiorato i radicali: in tempi non sospetti abbiamo sostenuto che le Camere del Parlamento sono sottoposte alle stesse regole di tutte le pubbliche amministrazioni dello Stato italiano. A dire il vero, è una posizione che finora vede contrario proprio il Senato, che presieduto da Schifani si è costituito in Cassazione e presieduto da Grasso s’è costituito in Corte costituzionale a difesa dell’autodichia, che quel dubbio nega in radice.

Non resta che auspicare una maggiore consequenzialità, nei comportamenti della Presidenza del Senato, revocando il mandato a costituirsi dinanzi alla Corte costituzionale nella vicenda aperta dall’ordinanza n. 10400 della Corte di cassazione: se il senatore Grasso vuol dimostrare di saper agire “in piena autonomia e indipendenza”, metta da parte le convenienze delle strutture burocratiche degli organi costituzionali e ne affermi, inconfutabilmente, la sottoposizione alla legge.