DROGA: BERNARDINI, 50 PIANTE CANNABIS IN TERRAZZO E NESSUNA REAZIONE

DROGA: BERNARDINI, 50 PIANTE CANNABIS IN TERRAZZO E NESSUNA REAZIONE 4 aprile 2015

Iniziata la quarta azione di disobbedienza civile

Da AdnKronos Salute: “Ho cinquanta piante di marijuana sul terrazzo ma nessuno mi arresta. È strano in un Paese che ha nelle  carceri tante persone che hanno fatto molto meno in questo campo”, ironizza Rita Bernardini, segretaria dei Radicali italiani, a margine della presentazione alla stampa di un disegno di legge del Movimento 5 Stelle per la legalizzazione della coltivazione di canapa limitata a 4 piante per uso personale.

“Ieri abbiamo cominciato la quarta azione di disobbedienza civile – spiega Bernardini – e sul mio terrazzo sono state piantate oltre 50 piante. L’abbiamo fatto con l’associazione ‘Lapiantiamo‘ che da anni si batte per l’accesso ai farmaci cannabinoidi. La cosa incredibile è che nei miei confronti non succede nulla. È passato più di un anno da quando ho fatto la consegna a Foggia di circa 142 grammi di cannabis coltivati sul mio terrazzo. Ho consegnato il filmato alla procura della Repubblica, naturalmente autodenunciandomi. Sono andata dopo un anno, a febbraio scorso, a chiedere se fossi stata iscritta nel registro degli indagati e mi hanno detto di no”, dice Bernardini ricordando di aver cominciato a fare disobbedienza civile dal 1995.

Purtroppo, dice Bernardini, “del tema non si parla nonostante la stessa Direzione nazionale antimafia si sia pronunciata, con dati concreti, a favore della legalizzazione. Questa notizia non ha avuto spazio ma avrebbe potuto scatenare un dibattito”.