CARCERI, COMUNICATO DELL’ONU CENSURATO DALLA STAMPA ITALIANA – AUDIO

CARCERI, COMUNICATO DELL’ONU CENSURATO DALLA STAMPA ITALIANA – AUDIO 15 luglio 2014

Riporto di seguito l’audio del mio intervento a Radio Radicale, in cui parlo della censura da parte della stampa italiana del comunicato del Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione arbitraria, diffuso dopo la visita di tre giorni nel nostro Paese, con cui si invitano le “autorità italiane” ad adottare “misure straordinarie” per “eliminare l’eccessivo ricorso alla detenzione e proteggere i diritti dei migranti”.

 … Leggi tutto...


RIFORME, PER REFERENDUM C’E’ “CONTRO-DEMOCRAZIA”

RIFORME, PER REFERENDUM C’E’ “CONTRO-DEMOCRAZIA” 9 luglio 2014

I referendum oggi si trovano in una situazione di “contro-democrazia” che fa strage di diritti come fossero un “fastidio da seppellire”.

A proposito dell’emendamento sulle firme per i referendum passato in commissione Affari costituzionali al Senato nel corso dell’esame al testo del ddl Boschi sulle riforme, non ci possono essere contentini.

La cosa non mi meraviglia molto. Immagino non abbiano pensato a qualcosa che possa semplificare e rendere legale le firme: perché la più grande difficoltà che hanno i cittadini è reperire gli autenticatori.

Potrei anche essere d’accordo sulla scelta di innalzare il numero di firme ma che ci sia la possibilità concreta di raccoglierle e autenticarle.

A questo proposito non sono state neanche prese in considerazione le nostre proposte: avevamo chiesto un albo degli autenticatori perchè il rischio è che chi non rientra nel gioco partitocratico non puo farcela; allora dicano con coraggio che il referendum possono farlo solo di partiti, anche se la Costituzione parla di elettori.

Si fa strage di diritti umani come se fossero da seppellire. Il quorum mobile viene invece ritenuto un contentino che non compensa il fatto che i referendum si svolgono in una questa situazione di contro-democrazia totale.… Leggi tutto...


MORTI IN CARCERE, DENEGATO DIRITTO ALLE CURE E CARCERE DURO A PROVENZANO: UNO STATO CHE SI PONE ALLO STESSO LIVELLO DEI PEGGIORI CRIMINALI

MORTI IN CARCERE, DENEGATO DIRITTO ALLE CURE E CARCERE DURO A PROVENZANO: UNO STATO CHE SI PONE ALLO STESSO LIVELLO DEI PEGGIORI CRIMINALI 8 luglio 2014

Con il sostegno di Marco Pannella e di almeno 150 cittadini, questo è per me il settimo giorno di sciopero della fame finalizzato ad interrompere la tragedia delle morti in carcere e la mancanza di cure che riguardano anche reclusi incompatibili con il regime di detenzione carceraria.

Fra queste migliaia di casi è incluso anche il caso dell’ottantenne boss di cosa nostra Bernardo Provenzano che si trova ristretto in regime di carcere duro (41-bis) pur essendo incapace di intendere e di volere e con patologie gravissime. Sebbene sia ridotto al lumicino, leggo che il tribunale di sorveglianza di Roma ha rimandato la decisione sulla revoca del 41-bis al 3 ottobre, abbondantemente superate le ferie estive.

In questo modo, una parte della magistratura e lo stesso ministero della giustizia, si contrappongono al giudizio di tre procure della repubblica (Palermo, Caltanissetta e Firenze) che si sono invece pronunciate per la cancellazione del “carcere duro” per Provenzano. Ma non solo. Abbiamo istituzioni che, quanto al rispetto di diritti umani fondamentali, si pongono allo stesso livello di criminalità di coloro che affermano di voler combattere.

Leggi tutto...


LE LOTTE RADICALI NELLA “NON DEMOCRAZIA” ITALIANA – IL MIO INTERVENTO A PADOVA

LE LOTTE RADICALI NELLA “NON DEMOCRAZIA” ITALIANA – IL MIO INTERVENTO A PADOVA 7 luglio 2014

Riporto di seguito il mio intervento alla conferenza stampa organizzata del “Comitato promotore iniziative popolari, referendarie, legislative” del Gruppo radicali Padova.

Fonte: Radio RadicaleLeggi tutto...


Pagina 40 di 208« Prima...102030...3839404142...506070...Ultima »