CALTAGIRONE, SI TOGLIE LA VITA UN AGENTE DELLA POLIZIA PENITENZIARIA

CALTAGIRONE, SI TOGLIE LA VITA UN AGENTE DELLA POLIZIA PENITENZIARIA 6 gennaio 2015

Ancora un morto tra le fila della Polizia penitenziaria. Si tratta di un assistente capo, G.S., di 45 anni, originario di Caltagirone, sposato e padre di due figlie. L’uomo, in servizio presso il Nucleo provinciale Traduzioni e Piantonamenti di Catania, e’ stato trovato morto a bordo della propria auto nelle campagne tra Caltagirone e Niscemi.

Lo rende noto il segretario generale aggiunto del sindacato Osapp, Domenico Nicotra. “Anno nuovo, nuovi auspici, nuove promesse, ma la Polizia penitenziaria – commenta amaramente – continua a contare i suoi morti come una inesorabile e lenta emorragia”.

“Verrebbe di pensare ad un altro suicidio – aggiunge Nicotra – anche se dalle prime informazioni non pare che il poliziotto penitenziario avesse problemi familiari, finanziari o sul lavoro. Adesso solo gli esami balistici e della polizia scientifica potranno fugare ogni dubbio sull’accaduto”. “E’ arrivato il momento – conclude Nicotra – che il nuovo Capo del Dipartimento cominci seriamente ad affrontare i problemi del Corpo e dei suoi uomini, perche’ adesso piu’ che mai e’ diventato sempre piu’ complicato, anche sotto l’aspetto psichico, fare il Poliziotto Penitenziario nelle carceri italiane”.

Fonte: Italpress… Leggi tutto...


CARCERI, GIOVANE ROMENO SI SUICIDA A VENEZIA

CARCERI, GIOVANE ROMENO SI SUICIDA A VENEZIA 5 gennaio 2015

Un ragazzo romeno di 19 anni si è tolto la vita ieri sera nel carcere veneziano di Santa Maria Maggiore, impiccandosi nelle docce.

Il giovane, residente ad Appiano Gentile (Como) e in Italia da 14 anni, era stato arrestato il 31 dicembre dai carabinieri di Como in esecuzione di un ordinanza di custodia cautelare per reati contro il patrimonio.

Bloccato nel veneziano, era stato affidato all’istituto di pena lagunare dove sabato era stato sentito dal gip Andrea Comez, il quale voleva porlo agli arresti domiciliari, cosa poi non avvenuta. Pare che il giovane vivesse con la madre. La Procura di Venezia ha disposto accertamenti, incaricando i carabinieri delle indagini, per verificare eventuali responsabilità.

Fonte: Ansa

Leggi tutto...


SCARCERAZIONI: DUE CASI RIGUARDANTI LA STRUTTURA DI BOLLATE A MILANO

SCARCERAZIONI: DUE CASI RIGUARDANTI LA STRUTTURA DI BOLLATE A MILANO

Riporto due casi si scarcerazioni riguardanti il magnificato carcere di Bollate a Milano. Il primo, un ragazzo, è venuto qui in sede a Roma raccontandomi di essere stato SCARCERATO il 1° dell’anno mentre avrebbe dovuto scontare ancora dei mesi: “non avevo un euro e sono tornato a Roma grazie alla bontà di un capotreno al quale ho spiegato che ero appena uscito di galera…! Non ho casa, non ho un lavoro, non ho famiglia, come faccio?”.

Il secondo, un 75enne che hanno SCARCERATO stamattina “per motivi di salute” a cinque anni dal fine pena. Proprio in questi giorni gli hanno diagnosticato un tumore alla prostata e, solerti, dal carcere gli hanno già prenotato visite e ricovero a Milano per operarlo. Il problema è che nel periodo che precede l’intervento non sa dove andare perché la famiglia ce l’ha in un comune del lago di Garda. Mi fa: “Rita, ma non è che se poi l’operazione va bene, mi richiamano per tornare in prigione?”.… Leggi tutto...


L’ESPERIENZA DELLA ONLUS SEMI (DI) LIBERTA’

L’ESPERIENZA DELLA ONLUS SEMI (DI) LIBERTA’ 2 gennaio 2015

Ricevo da Diego Sabatinelli e Sheila: Da marzo 2014 la Onlus Semi (di) Libertà gestisce un Birrificio Artigianale dove i detenuti, provenienti dal Carcere di Rebibbia, vengono formati alla professione di Tecnico Birraio ed avviati all’inclusione professionale nella filiera della birra.

L’obiettivo è quello di autofinanziarsi e diventare una realtà economica capace di provvedere a se stessa, per investire in nuovi macchinari sempre molto costosi e crescere in un mercato interessantissimo e aperto a nuovi competitori.

L’onda lunga dei danni che potrebbe provocare l’inchiesta Mafia Capitale con il coinvolgimento di una nota cooperativa per il recupero degli ex detenuti rischia di travolgere tutte le iniziative simili che nulla c’entrano con i fattacci di cronaca. Il contraccolpo ancora non si è fatto sentire: questione di tempo?

Noi speriamo di no, siamo convinti che alla fine la bontà, culinaria e non solo, trionfi sempre su tutto, che ci sia un’opportunità nuova per tutti e che questa bella realtà vada avanti da sola, magari realizzando il miracolo di zero recidive su cento detenuti che avranno fatto parte del progetto. Nell’articolo i video per conoscere meglio questa bella realtà.

Un mondo a tutta birra con Semi (di) LibertàLeggi tutto...


Pagina 21 di 208« Prima...10...1920212223...304050...Ultima »