CARCERI, RAPPORTO PARLAMENTO UE: IN ITALIA TORTURE E SOVRAFFOLLAMENTO

CARCERI, RAPPORTO PARLAMENTO UE: IN ITALIA TORTURE E SOVRAFFOLLAMENTO 10 aprile 2014

 Il sovraffollamento delle carceri italiane, battuto “solo da Serbia e Grecia”, e gli episodi denunciati nel rapporto 2012 del Comitato europeo per la prevenzione della tortura oltre la presenza della “cella zero” nel carcere di Poggioreale, dove “un certo numero di prigionieri è stato picchiato della polizia penitenziaria”, sono elementi del rapporto sulle carceri italiane presentato dopo la missione dei parlamentari della Commissione Liberta Civili compiuta in Italia il 26 e 28 marzo scorsi. La missione, guidata dal socialista spagnolo Juan Frenando Lopes Aguilar, ha visitato tra l’altro i carceri di Rebibbia, a Roma, e Poggioreale, a Napoli. Nelle conclusioni si “accolgono gli sforzi delle autorità italiane per risolvere il problema del sovraffollamento”, ma “molto deve ancora essere fatto”.

E si sottolinea di affrontare con maggiore efficacia tanto la questione dei detenuti per droga (indicata come il 38% di una popolazione carceraria di 60.828 persone mentre la capacità è di 47.857 detenuti). Accogliendo poi l’approvazione da parte del Senato della proposta di legge per introdurre nel codice penale, sollecita l’approvazione da parte della Camera e sottolinea che il fatto che essa sia compiuta da un pubblico ufficiale “dovrebbe essere elemento costitutivo del reato e non solo una mera aggravante”. Inoltre la Commissione parlamentare “condanna l’uso di violenza contro i detenuti” e si appella alle autorità “perché prendano le necessarie misure” contro tali violenze. Infine, i parlamentari si dicono “preoccupatissimi per l’uso della detenzione preventiva”.

Fonte: Ansa