CARCERI, L’ITALIA NON HA RISOLTO IL SOVRAFFOLLAMENTO

CARCERI, L’ITALIA NON HA RISOLTO IL SOVRAFFOLLAMENTO 23 maggio 2014

Nel dossier i Radicali, per quanto concerne la capienza delle carceri, sostengono che nel calcolare i posti effettivi bisogna tenere conto di una serie di elementi. Nel dossier viene riportato che lo stesso Dap ha dichiarato il 2 aprile scorso che i posti realmente disponibili non sono 48.309, ma bensì 43.547. Ma secondo i Radicali neanche questo dato e’esatto, perche’ andrebbero sottratti tutti i posti non utilizzati in diverse carceri, come quelle sarde, dove il numero di detenuti e” inferiore di 700 unita’ rispetto alla capienza regolamentare. Questo si traduce in un sovraffollamento in altri penitenziari, come quello di Modena, Busto Arsizio, in cui l”indice di sovraffollamento al 31 dicembre scorso risultava essere superiore al 200%.

Nel dossier i Radicali contestano anche l”efficacia delle leggi introdotte. Viene per esempio messo in dubbio che i magistrati di sorveglianza, cosi come previsto dalla legge n.10, del 21 febbraio 2014, possano intervenire in tempi celeri per far cessare una situazione di violazione dovuta al sovraffollamento. Secondo i dati riportati “la pianta organica dei magistrati di sorveglianza prevede 173 unita’, ma i posti coperti sono 158” e “la carenza strutturale del personale dei tribunali di sorveglianza da” luogo almeno da un decennio a ritardi inauditi”.

SCARICA IL DOSSIER IN FORMATO PDF