CARCERI. ‘LAVORO FORZATO’ PER 25MILA, ITALIA RISCHIA CONDANNA

CARCERI. ‘LAVORO FORZATO’ PER 25MILA, ITALIA RISCHIA CONDANNA 1 luglio 2014

Si prepara un’altra valanga di ricorsi… Segnalazione di Irene Testa.

SAREBBE UNA NUOVA E IMPREVEDIBILE SENTENZA “TORREGGIANI” (DIRE) Roma, 1 lug. – Carceri italiane e amministrazione penitenziaria di nuovo al centro di un ciclone che potrebbe avere proporzioni e ricadute pari alla storica condanna della Corte europea dei diritti dell’uomo sul caso Torreggiani. Se per quest’ultima l’Italia ha ottenuto una proroga di un anno per migliorare le condizioni dei vita dei detenuti in carcere, la nuova possibile condanna riguarda il lavoro tra le mura dei penitenziari: sottopagato, legato a minimi di oltre 20 anni fa e in netto contrasto con la giurisprudenza europea. A lanciare l’allarme e’ Emilio Santoro, docente di Teoria e storia del diritto dell’Universita’ di Firenze, secondo cui le violazioni riguarderebbero praticamente tutti i detenuti che lavorano in carcere: circa il 40 per cento di essi, intorno a 25 mila persone. Numeri che fanno pensare ad una nuova Torreggani, un rischio che potrebbe incrinare la fiducia della Corte nei confronti degli sforzi compiuti dall’amministrazione penitenziaria per far fronte al sovraffollamento carcerario. Retribuzioni ferme agli anni 90. In carcere il lavoro viene pagato meno di quanto previsto dai contratti nazionali collettivi per le stesse mansioni svolte in liberta’. “La retribuzione per il lavoro carcerario deve essere circa l’85 della retribuzione prevista dai contratti collettivi – spiega Santoro a Redattore sociale -, ma lo Stato italiano continua a fare il calcolo sulla retribuzione prevista dal contratto collettivo del 1993 e non l’ha mai piu’ aggiornata. Quindi continua a pagare le retribuzioni che dava piu’ di vent’anni fa”. Chi se ne accorge, tra i detenuti, spesso si appella alla giustizia ordinaria e il giudice del lavoro finisce per condannare lo Stato italiano a pagare la differenza della retribuzione calcolata sulla base dei dati aggiornati

“L’Italia e’ gia’ normalmente condannata dalla giustizia ordinaria – spiega Santoro – ma i ricorsi non sono tanti, anche perche’ il detenuto deve mostrare le buste paga che gli ha dato l’amministrazione penitenziaria che in genere pochissimi detenuti recuperano. Il processo poi e’ lungo e si recuperano solo pochi spiccioli”. Sul tema e’ intervenuta anche la Corte di Cassazione, aggiunge Santoro, per dire che non solo e’ illegittimo il riferimento al ’93, ma anche la riduzione a circa l’84 per cento. ANNO 2006, CAMBIANO LE REGOLE. Se per circa 30 anni, la Corte europea dei diritti dell’uomo ha considerato la possibilita’ che il lavoro in detenzione potesse anche non venir pagato, negli ultimi anni qualcosa si e’ mosso nella direzione opposta. “Il primo cambiamento e’ avvenuto nel 2006 – racconta Santoro -. E’ entrata in vigore la nuova versione delle regole minime europee per il trattamento dei detenuti che hanno cominciato a dire che il detenuto ha diritto alla retribuzione alla pari del lavoratore libero”. Per far si’ che anche la Corte europea cambiasse la propria giurisprudenza, pero’, sono stati necessari ancora altri anni. Fino al 2013. “Lo scorso anno, la Corte europea ha cambiato la propria giurisprudenza su questo punto – spiega Santoro – e ha affermato che il detenuto in esecuzione di pena deve essere pagato come il lavoratore libero. Altrimenti e’ lavoro forzato. Quindi, non solo puo’ condannare uno Stato a risarcire il detenuto, ma puo’ condannarlo anche perche’ viola un diritto umano del detenuto a una pena che e’ sanzionatoria, esattamente come nel caso della Torreggiani”.(

Finche’ si tratta di pochi euro per altrettante poche ore di lavoro da rimborsare, allo Stato italiano e’ sempre convenuto far finta di nulla e risarcire solo i detenuti che se ne accorgevano e chiedevano conto. Ora la vicenda rischia di complicarsi ulteriormente e di finire sul tavolo della Corte europea che potrebbe infliggere risarcimenti ben piu’ consistenti. “Sono stato piu’ volte al Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria a dire di adeguare le retribuzioni dal 93 al 2014 – racconta Santoro -, ma mi hanno sempre risposto che preferiscono pagare quando ci sono i ricorsi perche’ non ci sono i soldi. Se i ricorsi iniziano ad arrivare alla Corte europea dei diritti dell’uomo, pero’, c’e’ il risarcimento per la lesione della dignita’ il discorso cambia completamente: per il caso Torreggiani si contano tra i 25-26 euro al giorno, da aggiungere ai 3-4 euro l’ora del risarcimento per l’adeguamento della retribuzione”. Se ad oggi le richieste di risarcimento per la mancata piena retribuzione sono state facilmente ammortizzate, le cose potrebbero complicarsi in futuro. “I detenuti lavorano a rotazione, a volte per un mese o due mesi l’anno e con orari di 20 ore settimanali – spiega Santoro – Per questo, le richieste di risarcimento erano minime, perche’ le ore di lavoro erano poche. Ma quando il risarcimento non e’ piu’ dovuto alla sola differenza di retribuzione, ma e’ dovuta al fatto che si e’ lesa la dignita’ umana torniamo ai risarcimenti calcolati con la Torreggiani dove c’e’ la lesione della dignita’ umana”. POCHI I RICORSI, MA POTREBBERO AUMENTARE. Difficile fare una stima esatta di quanti siano stati ad oggi i ricorsi al giudice del lavoro. Secondo Santoro potrebbero essere circa un centinaio, ma spesso in carcere i numeri dei ricorsi crescono col crescere del passaparola tra i detenuti. Quel che e’ certo e’ che la nuova “Torreggiani” riguarderebbe tutti i detenuti che lavorano in carcere. Ad oggi, pero’, non c’e’ stata ancora nessuna condanna da parte della Corte europea su questo tema, aggiunge Santoro, “perche’ il cambiamento e’ stato molto recente, iniziato nella seconda meta’ del 2013”. Due i casi presi in considerazione dalla Corte, senza alcuna condanna. Il primo caso riguarda la Bulgaria, dove per la Corte europea i fatti risalivano a prima del 2006 per cui ha evitato la condanna. Il secondo caso, invece, riguarda l’Austria che ha scampato la condanna per via degli sconti di pena per il lavoro fatto in carcere dai detenuti. “Due sentenze poco conosciute perche’ non riguardano l’Italia – spiega Santoro -, ma appena la cosa di diffondera’, iniziera’ il tam tam tra i detenuti italiani e tutti potranno presentare facilmente il ricorso. Dopotutto, e’ ancora piu’ facile che dimostrare che vivi in meno di 3 metri quadrati in cella, perche’ porti la retribuzione che hai avuto”. Documentata, ironia della sorte, dalla stessa amministrazione penitenziaria