CARCERI, IL FAMOSO DECRETO DEGLI 8 EURO E’ UNA SOLA DI STATO

CARCERI, IL FAMOSO DECRETO DEGLI 8 EURO E’ UNA SOLA DI STATO 20 ottobre 2014

Per il decreto svuota carceri avrei utilizzato il romanesco “sòla” ma in effetti, visto che si tratta di detenuti, la parola “pacco” ha una sua consonanza. D’altronde qui il pacco è anche per la Corte europea dei diritti dell’uomo e per il Comitato dei ministri. Questa norma avrebbe dovuto dare attuazione alla sentenza Torreggiani.

Di fatto non vi adempie. Quando il nostro ministro della Giustizia ha riferito a Bruxelles sulle iniziative del governo, il Comitato dei ministri ha dato credito all’Italia e ha dichiarato decaduti quasi 4.000 ricorsi presentati da detenuti reclusi nelle carceri italiane, visto che Roma aveva finalmente predisposto i rimedi. In realtà il decreto era ancora in preparazione, comunque l’Europa ci ha creduto. E ha scritto testualmente: “Non abbiamo motivo di ritenere che i rimedi non siano effettivi”.

La principale difficoltà riguarda le detenzioni pregresse. Non avrebbe senso d’altronde ritenere che il decreto debba riguardare solo le detenzioni in corso: è stata prevista la possibilità di monetizzare con il risarcimento degli 8 euro al giorno proprio perchè si è pensato anche a chi è già uscito dal carcere o vi uscirebbe nel giro di poco tempo e dunque non potrebbe della riduzione di un giorno di pena ogni dieci scontati in condizioni degradanti. E se la Corte europea arriva ad annullare quasi 4.000 ricorsi è appunto perchè erano previsti risarcimenti per tutti.

Serve una norma di interpretazione autentica. La chiede Giachetti nella sua interrogazione. D’altra parte se anche i presidenti dei Tribunali di Sorveglianza avessero una visione univoca, comunque le cose sarebbero lo stesso complicate perchè resta il problema della ricostruzione da parte del detenuto delle sue condizioni pregresse. la legge doveva prevedere un meccanismo chiaro, automatico.

In merito agli 8 euro, come si fa a parlare di risarcimento? Un risarcimento deve essere commisurato alle singole specifiche circostanze. A Poggioreale o a Messina, per esempio, si patisce una condizione ancora più inumana che altrove.

Leggi l’intervista su Il Garantista

garantista-bernardini