CARCERE DI CASTROGNO DI TERAMO, A FERRAGOSTO VISITA ISPETTIVA DEI RADICALI

16 agosto 2012

Come di consueto anche quest’anno, nel giorno di Ferragosto, i Radicali hanno fatto visita ai detenuti nelle carceri italiane. Il leader Marco Pannella e l’onorevole Rita Bernardini si sono infatti recati il 15 agosto presso il carcere Castrogno di Teramo, insieme a una delegazione composta da Paolo Tancredi, Giorgio D’Ignazio, Riccardo Chiavaroli, Rosa Quasibene, Orazio Papili, Paolo Palombo e Renato Ciminà.

Le pessime condizioni della struttura abruzzese – dove erano già state effettuate diverse visite ispettive – sono purtroppo note, in quanto dall’inizio dell’anno sono stati già registrati quattro suicidi.

Già nel 2009 abbiamo presentato un’interrogazione parlamentare sullo stato di questo carcere – ha dichiarato la Bernardini – ma da allora non abbiamo ricevuto risposta dal Governo”.

Propria la deputata radicale della Commissione Giustizia, in questi giorni ha anche scritto una lettera aperta al Segretario del SAPPE, Donato Capece, in merito alla sorte che, con ogni probabilità, avrà il disegno di legge governativo sulle depenalizzazioni. In proposito, il ministro Paola Severino ha chiesto lo stralcio per avere una corsia preferenziale da dedicare alle misure di decarcerizzazione.

Nel sottolineare che con tale disegno di legge “non si incide a monte su ciò che ingolfa le scrivanie dei magistrati e accalca la popolazione carceraria nelle galere, anche sugli interventi di decarcerizzazione”, la Bernardini ha descritto quali sono i termini del problema: “Il provvedimento sarà esaminato in Commissione a settembre, poi dovrà andare in aula alla Camera per essere approvato, se tutto va bene, a novembre; dopodiché passerà al Senato che se lo modificherà come ha sempre fatto per questo tipo di Provvedimenti, ritornerà alla Camera per la definitiva approvazione. Insomma, se tutto fila liscio, il provvedimento sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale a dicembre o a gennaio e il governo avrà un anno di tempo per emanare i relativi decreti attuativi della delega”

“A febbraio si sciolgono le Camere perché la legislatura è finita. Allora,di cosa stiamo parlando? – si chiede Berbardini nella lettera aperta – Quanti detenuti e agenti dovranno ancora rimetterci la pelle o la salute?”.