AUTODICHIA, IL GOVERNO LASCI DECIDERE LA CORTE COSTITUZIONALE IN TOTALE AUTONOMIA

AUTODICHIA, IL GOVERNO LASCI DECIDERE LA CORTE COSTITUZIONALE IN TOTALE AUTONOMIA 19 marzo 2014

Nella mattina di martedì 25 marzo prossimo la Corte costituzionale esaminerà la cosiddetta autodichia. Camera e Senato la invocano, ad ogni pie’ sospinto, per giustificare la sottrazione delle loro amministrazioni all’automatica applicazione della legge esterna. Al momento la Presidenza del consiglio è costituita in giudizio a difesa del Senato contro la Corte di cassazione. Quest’ultima, anche dopo aver visionato la proposta di legge radicale della scorsa legislatura, ha avanzato il dubbio che l’antico privilegio sia contrario alla Costituzione ed ai trattati internazionali.

I radicali si aspettano, dopo la relazione del professor Giuliano Amato, parlino solo le parti private, e che il Governo non intervenga in una questione di diritti civili e di danno da demansionamento. Se Enrico Letta l’ha fatto per il Porcellum, astenendosi dal difendere la legge, è lecito richiedere a Matteo Renzi di lasciare i quindici giudici della Corte liberi di decidere sull’autodichia, ritirando la costituzione in giudizio dell’Avvocatura dello Stato. Sarebbe anche questo l’indizio di un cambio di passo, superando l’anomalìa per la quale il nostro è l’unico Paese al mondo che attribuisce questo potere al suo Parlamento.

Dichiarazione congiunta con Irene Testa, coautrice insieme ad Alessandro Gerardi del libro “Parlamento zona franca” lo scudo dell’Autodichia