Approvata in Commissione la risoluzione su diritto di voto ai detenuti

Approvata in Commissione la risoluzione su diritto di voto ai detenuti 11 dicembre 2012

La seduta congiunta delle Commissioni Giustizia e Affari Costituzionali ha approvato la Risoluzione per il diritto di voto ai detenuti. E’ una vittoria della lotta nonviolenta che abbiamo condotto con Marco Pannella, con i detenuti e l’intera comunità penitenziaria per rendere effettivo un diritto che è sempre rimasto solo sulla carta.
Infatti pur essendo moltissimi i reclusi che conservano il diritto di voto finora soltanto il 7 per cento di loro è stato messo nelle condizioni di esercitarlo, a causa di ostacoli e complicazioni burocratiche. Ora vigileremo sulla tempestiva applicazione di quanto previsto dalla risoluzione perché quando un diritto viene riconquistato possono aprirsi delle brecce di libertà utili a tutti i cittadini.
Con questo documento, che mira a rendere effettivo l’accesso al voto per i tantissimi reclusi che conservano i propri diritti civili e politici, si impegna ora il governo a sollecitare, attraverso il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, i direttori degli istituti affinché informino tempestivamente i detenuti sugli adempimenti da compiere per essere ammessi al voto in carcere; ad avviare con ampio margine di tempo le operazioni di registrazione nelle liste elettorali dei detenuti elettori e la consegna delle tessere; a emanare una circolare affinché si assicuri in modo tempestivo l’esercizio del diritto di voto dei detenuti, in particolare di quelli interessati dalle elezioni regionali di febbraio e che sono reclusi in regioni diverse da quelle in cui risultano residenti.